Ricarica auto elettriche a domicilio o tramite colonnine pubbliche? tutto quello da sapere

Ricarica auto elettriche, tutto quello che c'è da sapere se si decide di acquistare una vettura elettrica in merito alla ricarica a domicilio o la ricarica elettrica presso una presa di ricarica pubblica.
ricarica auto elettrica
ricarica auto elettrica

Ricarica auto elettriche possono essere ricaricate tramite colonnine pubbliche o ricarica domestica. Al momento, in Italia questa soluzione appare la scelta migliore per diversi motivi. Innanzitutto, il costo di ricarica a domicilio  è inferiore rispetto a una normale stazione di ricarica a pagamento.  Le stazioni di ricarica a pagamento che principalmente si trovano diffuse  in modo capillare sul territorio nazionale, al momento per colpa della crisi energetica in atto hanno un prezzo per il rifornimento di energia ad alto voltaggio molto elevato. L’unico vantaggio, se si vuole ricaricare tramite le colonnine a pagamento è la rapidità della ricarica.  Se invece si decide di ricaricare l’auto elettrica tramite una wallbox installato a casa, c’è bisogno di 5-12 ore per far fare il “pieno” all’auto elettrica.

Le colonnine condominiali per la ricarica domestica

E’ possibile installare le colonnine anche all’interno degli spazi condominiali. Per far sì che questo sia possibile, però, è necessario che l’assemblea di condominio sia d’accordo. Nel caso in cui questo non avvenga, i condomini che vorrebbero installare quest’infrastruttura per ricaricare l’auto elettrica, lo può fare, ma a proprie spese. L’unico vincolo è che l’installazione non vada a danneggiare i luoghi comuni e non modifichi sicurezza e decoro dell’interno edificio. In più, non deve ostacolare in alcun modo gli altri condomini nell’utilizzo di aree comuni dell’edificio.

Qualora la colonnina di ricarica dovesse essere installata senza avere l’approvazione dell’assemblea condominiale, l’area in cui si trova l’infrastruttura non è usufruibile, in forma esclusiva, da parte dei proprietari delle vetture elettriche.
In ultima istanza, prima dell’installazione è sempre necessario verificare che il condominio sia dotato di un impianto energetico che supporti l’extra carico dato dalla ricarica dei mezzi elettrici.

Ricarica domestica: qual è il costo di una stazione di ricarica?

La wallbox è un sistema a parete per la ricarica delle auto elettriche. Il suo prezzo non è sempre uguale, ma cambia a seconda del modello. Se si tiene in conto anche dell’installazione, il prezzo varia dai 900 euro, fino a 1.500 euro. Questo per quanto concerne i dispositivi a ricarica lenta, dalla potenza massima di 7,4 kW.
Se si opta per una colonnina a 2 punti di ricarica, di potenza 22 kW, il prezzo varia dai 2 ai 4 mila euro.

Per scegliere il tipo di colonnina, bisogna tenere in conto qual è l’utilizzo che si fa della propria vettura. In più, il costo per la struttura di ricarica varia a seconda di alcuni fattori come, ad esempio, la distanza che intercorre tra il contatore di energia elettrica e il punto in cui è stata installata la wallbox.
I costi per la ricarica dipendono invece da quanto il proprietario utilizza la propria vettura elettrica e qual è la potenza del mezzo.

 

Quanto costa ricaricare presso le stazioni di ricarica elettrica rapide?

Società di stazioni di ricarica rapide come Ionity  ha fissato un prezzo della ricarica ultra veloce a 0,79 euro/kWh. Se si vogliono percorrere 100 km ad oggi servono 20 euro. Purtroppo come premesso all’inizio dell’articolo ricaricare l’auto elettrica presso le stazioni ad alte prestazioni non è affatto economico. Le differenze delle tariffe  se confrontato con le colonnine pubbliche sono importanti in quanto i costi possono subire una variazione  da meno di 0,20 euro al KWh a 0,50 o anche di più.  C’è però una piccola considerazione da fare, per non rendere un viaggio particolarmente lungo bisogna per forza sfruttare le colonnine di ricarica rapida. Se consideriamo che almeno due anni fa lo standard della ricarica veloce si attestava a una potenza massima di 50 kW – omettendo il mondo di  Tesla  Supercharger  che ha sempre messo a disposizione per i suoi clienti colonnine ad alte prestazioni in termini di kW.

Le stazioni di ricarica rapide  garantiscono fino a 350 kW di potenza e dunque ricariche molto veloci,  c’è da dire però  che ad oggi non c’è nessuna auto elettrica in commercio in grado di sfruttare tale potenza a pieno, ad esempio la Porsche Taycan si limita a una potenza di 270 kW.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Auto elettriche e colonnine pubbliche: la situazione in Italia

Auto elettriche: modelli, vantaggi, come funzionano

Auto elettriche, quali modelli sono i più diffusi