Come pulire il volante dell’auto: la guida

Pulire il volante dell’auto apparentemente può sembrare essere un’operazione da normale routine. Con la nostra guida vedremo meglio quali sono i prodotti più adatti per la pulizia, e come operare al meglio.
Come pulire il volante
Come pulire il volante

Come pulire il volante dell’auto? Spesso non basta passare un semplice straccio per una corretta pulizia. Occorre andare ad utilizzare i prodotti giusti. Uno degli strumenti della nostra vettura forse più soggetto all’usura del tempo e dell’utilizzo, necessita di attenzioni appropriate.

Non c’è da stupirsi se risulti essere sempre l’oggetto più sporco nell’abitacolo. Spesso ci si dimentica che per poter pulire efficacemente il volante dell’auto non basta passare ogni tanto uno straccio o un panno su di esso. È necessario dover intervenire  con prodotti specifici che prendano in considerazione il materiale di cui è realizzato il volante stesso. Con la nostra guida cerchiamo quindi di saperne di più.

Volante dell’auto sempre sporco: perché?

Come abbiamo avuto modo già di vedere, il volante è forse lo strumento della vettura che maggiormente accusa usura, e necessita di pulizia. Spesso lo ritroviamo essere ricoperto di macchie, o con la presenza di aloni e quella sensazione di appiccicaticcio.

Oggi più che mai l’igiene è fondamentale. Inoltre guidare con un volante sporco di certo andrà a ridurre quella sensazione di confort che determina quel feeling, con questo importante accessorio.

Quali sono i nemici del volante

Se ancora ci stiamo chiedendo come mai il volante sia così soggetto a sporcarsi, dovremo conoscere quali sono i suoi principali nemici:

  • Sicuramente qui entra in gioco il contatto continuo con le nostre mani, che inevitabilmente andranno a trasferire l’inevitabile sporcizia delle altre superfici.
  • Anche per il volante l’incidenza dello smog si fa sentire. Gli scarichi delle altre vetture in circolazione, inevitabilmente entra dai finestrini, andandosi a depositare sulle parti dell’abitacolo.
  • Non da meno incide sullo sporco del volante, anche il fumo della sigaretta. Gli automobilisti che fumano durante la guida, noteranno che i residui del fumo si depositano abbondantemente sia sui vetri interni, che sul volante e cruscotto.

Un  mix di elementi che a lungo andare si rivela essere davvero dannoso per le superfici interne della vettura.

Sarà da tenere sempre a mente che con le stesse mani con cui si tocca il volante, spesso inconsciamente ci si toccano viso e occhi. Così facendo abbiamo imparato bene negli ultimi periodi, è più facile agevolare la trasmissione di infezioni. Ecco quindi perché risulta essere di vitale importanza prendersi cura della pulizia, del volante.

Come si pulisce il volante in pelle

Ogni tipologia di volante ha di certo caratteristiche diverse. Ecco quindi che  il volante in pelle richiederà sicuramente delle accortezze particolari, andando a ricorrere a prodotti specifici per un’accurata pulizia.


Mentre i volanti in plastica possono essere detersi con prodotti generici, quelli in pelle per la loro manutenzione richiedono un trattamento più dedicato, per non rischiare di perdere quella lucidità e quel fascino che con il passare delle tempo finirà per opacizzarsi.

Ecco quindi che per pulire accuratamente il volante in pelle subito dopo aver passato su di esso un panno in microfibra che vada a rimuovere la polvere tutta la sporcizia, si dovrà andare ad applicare un prodotto di pulizia specifico. Per terminare si dovrà andare a ripassare un altro panno in microfibra pulito, ben asciutto.

Come pulire un volante estremamente appiccicoso

Quando invece un volante realizzato il materiale plastico risulti essere estremamente appiccicoso, basterà passare un panno leggermente inumidito con un detergente universale, e lascia asciugare. Da utilizzare sempre un prodotto che abbia una formula priva di silicone, per poter garantire un effetto antistatico, sulle superfici plastiche.

Potrebbe interessarti anche:

Pulizia dell’abitacolo: la guida

Lavaggio auto detailing: i consigli preziosi da seguire

Pelle di daino per auto: cos’è, uso, quanto costa