Tesla inizia il 2022 con profitti record

Tesla: la casa automobilistica di Elon Musk registra profitti record nel primo trimestre del 2022 nonostante i problemi legati alla produzione
L'auto senza volante di Tesla

Tesla ha iniziato nel migliore dei modi il suo 2022. La casa automobilistica di Elon Musk ha registrato ancora una volta profitti record, superando i problemi della catena di approvvigionamento che hanno perseguitato l’industria automobilistica negli ultimi tempi.

Tesla: profitti record nel primo trimestre del 2022

Tesla ha ottenuto un reddito rettificato di 3,7 miliardi di dollari, molto superiore ai 2,6 miliardi di dollari previsti dagli analisti. Si tratta inoltre di una cifra che è più del triplo degli 1,1 miliardi di dollari guadagnati un anno fa. Questo dato rappresenta il 30 per cento in più rispetto al record precedente di 2,9 miliardi di dollari registrato nel quarto trimestre dello scorso anno.

Anche i ricavi di 18,8 miliardi di dollari hanno superato facilmente le previsioni, aumentando del 6 per cento rispetto alle vendite del quarto trimestre e dell’81 per cento rispetto al totale dell’anno precedente.

Il CEO Elon Musk ha affermato che, nonostante lo stabilimento dell’azienda a Shanghai sia stato chiuso per un paio di settimane ad aprile a causa del lockdown per il Covid e che anche diversi fornitori abbiano dovuto chiudere, pensa che la fabbrica dovrebbe essere in grado di avvicinarsi al livello di produzione del primo trimestre, se non addirittura di superarlo.

Tesla

Ecco quante auto sono state prodotte e consegnate dalla casa americana nel primo trimestre

Da gennaio a marzo, Tesla ha consegnato 310.048 auto elettriche in tutto il mondo, battendo i precedenti record di consegne e produzione. I risultati sono particolarmente notevoli se si pensa ai problemi affrontati. Questo in particolare per le interruzioni della catena di approvvigionamento dovute all’invasione dell’Ucraina.

La produzione è scesa a 305.407 veicoli, in parte a causa dei giorni di stop alla Gigafactory Shanghai. Le catene di montaggio sono rimaste inattive per un totale di sei giorni a marzo. Questo significa che sono circa 12 mila le auto non prodotte dalla casa californiana.