Fendinebbia: cosa sono, come e quando usarli?

Fendinebbia e retronebbia: guidare in sicurezza in condizioni di scarsa visibilità. Ecco cosa sono, a cosa servono e come si usano.

I fendinebbia sono uno dei tanti sistemi che aumentano la sicurezza dell’auto: fanno parte delle luci dell’autovettura, non sono obbligatori, ma sono comunque molto diffusi e diventano anche un elemento estetico della calandra. Vediamo cosa sono e quando bisogna usarli.

Cosa sono e quando si usano?

Come detto poco sopra, sono delle luci: servono a “fendere” la nebbia e a segnalare in questo modo la vettura. Esistono di due tipologie: obbligatori e non obbligatori. I primi, i fari nebbia obbligatori, si trovano nella parte posteriore dell’auto e fanno parte dei gruppi ottici posteriori. Tant’è che si chiamano retronebbia. Quelli non obbligatori, invece, sono quelli anteriori: i fendinebbia. Sono posizionati anteriormente e diventano un elemento della calandra.

A prescindere dall’essere obbligatori o meno, i fendinebbia e i retronebbia si utilizzano esclusivamente quando la visibilità è estremamente scarsa, vale a dire in tre casi: nebbia fitta che impedisce la visibilità e dunque il marciare in sicurezza, pioggia estremamente intensa e forte nevicata. Si tratta di condizioni in cui il conducente non riesce a vedere praticamente nulla e la visibilità e ridotta a pochissimi metri, se non proprio quasi zero. I fendinebbia e i retronebbia sono delle luci molto potenti e riescono a “fendere” questa mancanza di visibilità, segnalando la presenza della vettura. E’ scontato dirlo, ma è meglio ribadire che in queste condizioni bisogna procedere a una velocità ridottissima. Va da sé, inoltre, ricordare che l’uso di fendinebbia e retronebbia è vietato in condizioni di normalità.

fendinebbia

Come si usano?

Un altro aspetto da considerare è come usare i fendinebbia: posto che vanno accesi solo ed esclusivamente quando la visibilità è estremamente scarsa, è utile ricordare quanto segue. I fendinebbia sono delle luci potenti tanto quanto gli abbaglianti e gli anabbaglianti. Questi ultimi due, però, se utilizzati in caso di scarsa visibilità “rimbalzano” sugli agenti atmosferici che in quel momento impediscono al conducente di vedere cosa c’è davanti all’auto. Ecco perché i fendinebbia sono delle luci potenti, ma orientate verso il basso: non servono per “vedere”, ma solo per segnalare l’auto. Grazie a questa angolazione, illuminano i bordi della strada e non rimbalzano su neve, nebbia e pioggia.

Vota