Audi in Formula 1: offerti 650 milioni a McLaren

Audi alza l'offerta per entrare in McLaren, il debutto in Formula 1 del marchio tedesco sembra essere sempre più vicino

Audi

Audi sembra essere sempre più vicina all’ingresso in Formula 1. Secondo le ultime indiscrezioni, il marchio di lusso che fa parte del gruppo Volkswagen avrebbe alzato la sua offerta per un ingresso nel team McLaren. La casa automobilistica di Ingolstadt avrebbe messo sul piatto ben 650 milioni di euro, aumentando di 200 milioni la precedente offerta.

Audi sempre più vicina alla Formula 1

Giovedì l’operazione dovrebbe ricevere il via libera dal Consiglio d’amministrazione del gruppo Volkswagen. A quel punto l’accordo tra Audi e McLaren dovrebbe essere cosa fatta. Del possibile ingresso in Formula 1 del produttore tedesco si parla già da diversi mesi.

Ricordiamo anche che nei giorni scorsi era giunta anche la conferma da parte del CEO di McLaren a proposito dell’offerta ricevuta da Audi. Il numero uno della casa inglese però aveva detto che la sua azienda non era interessata a vendere e non cercava nuovi soci.

L’obiettivo dei tedeschi è quello di entrare in F1 per sfruttare a pieno tutte le novità tecnologiche e motoristiche che caratterizzeranno la Formula 1 dal 2026. Secondo indiscrezioni però il produttore di Ingolstadt dovrà vincere la concorrenza di BMW. Anche la casa bavarese sarebbe in trattative con il team inglese. Le due aziende avrebbero firmato un memorandum d’intesa per la condivisione di tecnologie automobilistiche. Questo accordo però non sarebbe vincolante e quindi in caso di accordo raggiunto con Audi potrebbe saltare.

Audi

Anche Porsche in trattativa con Red Bull per un ingresso in F1

Tra l’altro questo non è l’unico marchio del gruppo Volkswagen che sta trattando per entrare in F1 nei prossimi anni. Parallelamente alla trattativa imbastita da Audi con McLaren anche Porsche starebbe facendo lo stesso con Red Bull. Questa trattativa punterebbe a rendere Porsche il nuovo fornitore di motori del team austriaco a partire proprio dal 2026. Vedremo dunque a proposito di questa doppia trattativa quali novità arriveranno e se nei prossimi giorni ci sarà qualche annuncio ufficiale.