Prestito per acquisto auto nuove: conviene in banca o dal concessionario?

prestito auto
Prestito auto

Prima di parlare di prestito per acquisto di auto nuove, va sottolineato come esistano diversi tipi di prestiti auto.

Si può richiedere un prestito tramite concessionario ad esempio, o rivolgersi ad una banca o ad una società finanziaria.

A diverse tipologie di prestito si accompagnano esigenze di pagamento diverse.

C’è chi può e chi non può versare un acconto, c’è chi vuole personalizzare rate e piano di rimborso.

Molte sono le domande degli automobilisti in tema di prestiti personali.

Ci si chiede, ad esempio, se è possibile ottenere un finanziamento auto con contratto a tempo determinato.

Se è il caso, qualora inclusa nel finanziamento, di stipulare l’assicurazione auto in omaggio.

Inoltre, si può chiedere un prestito con segnalazione al Crif?

In questa guida, passo dopo passo, risponderemo a tutte le domande.

Prestito per acquisto di auto nuove: a chi conviene richiederlo?

uomo al volante di auto acquistata con prestito
Prestiti auto convenienti: dove trovarli?

Vuoi richiedere un prestito per acquisto di auto nuove, ma non sai dove conviene di più?

Il mondo dei prestiti auto è vario, e non tutti i finanziamenti possono fare al caso nostro.

Niente paura però! Basta sapere scegliere.

In questa guida parleremo delle due principali tipologie di finanziamento auto.

Le approfondiremo per capire quando è preferibile richiedere l’una, e quando invece è meglio l’altra.

Parliamo del prestito auto in banca e del prestito auto da concessionario: finanziamenti adatti ad esigenze diametralmente diverse.

Poi parleremo di altri argomenti attinenti la convenienza dei prestiti auto e la possibilità di ottenerli.

Fra i più interessanti, il finanziamento auto con contratto a tempo determinato (a progetto o occasionale) o da lavoratore autonomo.

Non manca spazio per le vicende legate all’assicurazione auto inclusa nel prestito, e per il prestito con segnalazione Crif.

Ma andiamo per ordine con la domanda principale:

Conviene di più un prestito auto in banca o da concessionario?

Meglio i prestiti auto in banca o da concessionario?

prestito in banca
Prestiti auto tramite finanziaria e concessionario a confronto

Quando si acquista un’auto, nell’80% dei casi c’è dietro un finanziamento.

Tutto sta nel trovare il più adatto alla proprie esigenze, possibilmente conveniente.

In alcuni prestiti auto è richiesto un acconto iniziale, e si continua a pagare l’auto a rate.

In altri invece il finanziamento è totale e può coprire ogni spesa, dal passaggio di proprietà ai primi costi di bollo e assicurazione.

E’ nel prestito per acquisto auto nuove da concessionario, affiliato ad una banca, che è richiesto l’acconto iniziale.

Si tratta di un prestito vantaggioso, generalmente a tasso fisso, che copre fino all’85% del valore del mezzo.

In questo tipo di prestito, il concessionario si occupa della pratica in virtù di accordi precedenti con la finanziaria.

Se il prestito viene accettato, quest’ultima versa l’importo al concessionario affinché il cliente possa acquistare la vettura.

Dopodiché il cliente potrà estinguere il prestito pagando le rate mensili alla finanziaria.

Trattandosi di un prestito che necessita di acconto, conviene di più a chi ha già messo da parte la somma necessaria.

In caso contrario è preferibile rivolgersi ad una banca.

Il prestito tramite banca, finalizzato all’acquisto di auto o sotto forma di prestito liquidità, può coprire ogni spesa: dal valore totale dell’auto, al passaggio di proprietà fino ai costi assicurativi.

In più è un prestito completamente personalizzabile. Il cliente può scegliere il piano di rimborso preferito e ottenere rate di importo su misura.

Consideriamo però che i tassi d’interesse dei prestiti tramite finanziaria sono generalmente più elevati.

Chi non può ottenere un prestito, né tramite concessionario né via finanziaria, può sempre richiedere un’auto a noleggio a lungo termine.

Finanziamento auto con contratto a tempo determinato: come funziona

contratto di prestito auto
Questioni di garanzie

Per ottenere un prestito auto con contratto a tempo determinato (a termine; a progetto; da lavoratore occasionale) è essenziale la firma di un garante.

In assenza di un garante è possibile comunque ottenere prestiti auto, ma la durata del piano di rimborso corrisponderà col termine dell’esperienza lavorativa.

Questione di garanzie, certo. Per concedere un prestito, la banca deve avere garanzie di solvibilità.

Discorso a parte va fatto per i lavoratori autonomi e i liberi professionisti.

Questi ultimi infatti, pur non disponendo di buste paga, possono allegare alla richiesta di prestito la dichiarazione dei redditi.

In sostanza, possono dimostrare di poter estinguere il prestito grazie alla loro affidabilità creditizia.

Non è detto però che un lavoratore con contratto a tempo determinato necessiti per forza di un garante.

Quel che la banca valuta per erogare il prestito è il reddito dimostrabile.

Se il lavoratore dimostra di avere altre rendite, ad esempio da affitto di un immobile a lungo termine, non è escluso che la banca neghi il finanziamento.

Finanziamento auto con assicurazione in omaggio
auto che ha subito un incendio spento dai pompieri
Cosa accade in caso di furto o incendio dell’auto?

Alcuni prestiti auto in offerta, includono anche l’Rca.

Per spronare il cliente a finalizzare l’acquisto, diverse finanziarie offrono praticamente l’Rc auto in omaggio.

Generalmente, incluso nel prestito è solo 1 anno (al massimo 2) di Rca, ma visti i costi delle assicurazioni, molti trovano la formula conveniente.

Attenzione però: non è tutto oro quel che riluce.

Purtroppo, chi usufruisce dell’offerta non potrà sfruttare i vantaggi della Legge Bersani.

Scaduta l’offerta, al momento di assicurare nuovamente l’auto, si andrà in classe CU 14 e il prezzo potrebbe essere davvero elevato.

Prestito con segnalazione Crif
prestiti auto debiti crif
Come comportarsi se c’è una segnalazione al CRIF

Il CRIF (Centrale Rischi Finanziari S.p.A) è la società che fornisce informazioni di affidabilità creditizia relative ai futuri clienti alle banche.

Chi è stato segnalato al CRIF e risulta un cattivo pagatore, per non aver saldato prestiti precedenti o mutui, difficilmente otterrà un prestito per acquisto di auto nuove, se non previa cancellazione dal CRIF.

Esistono tuttavia delle circostanze (o meglio, delle tipologie di finanziamento) in cui la finanziaria può concedere il prestito.

Si tratta di ipotesi in cui la banca può ottenere solide garanzie di solvibilità, rappresentate perlopiù dallo stipendio o dalla pensione, ovvero:

  • il prestito auto tramite cessione del quinto dello stipendio o della pensione (riservato a lavoratori dipendenti pubblici, statali o privati);
  • il prestito auto tramite delegazione di pagamento (riservato a lavoratori dipendenti pubblici, statali o privati);
  • il prestito auto delega o cambializzato.
Vota