Incentivi auto 2024: come funzionano e come si ottengono

Ecco la guida per i nuovi incentivi auto del 2024

incentivi auto 2024

Stanno arrivando gli incentivi auto 2024. In questa guida ti spieghiamo come funzionano e quanti sono i fondi a disposizione. I nuovi incentivi auto 2024 decisi dal governo Meloni si concentrano su due obiettivi principali:

  • Svecchiare il parco circolante: gli incentivi sono riservati a veicoli con emissioni di CO2 inferiori a 135 g/km e a rottamare un veicolo con emissioni superiori a Euro 4.
  • Sostenere la produzione di auto elettriche e ibride: gli incentivi sono più elevati per le auto elettriche e ibride rispetto alle auto a benzina e diesel.

Incentivi auto 2024: quanti soldi a disposizione

La somma complessiva degli incentivi auto per il 2024 ammonta a 570 milioni di euro, con una distribuzione mirata a favorire le diverse fasce di emissioni di anidride carbonica. Confermati tutti i contributi, alcune novità interessanti stanno per arrivare.

Il governo ha deciso di destinare più fondi alle fasce di emissioni meno popolari e meno accessibili per la gran parte della popolazione. La prima e la seconda fascia, snobbate dagli automobilisti italiani, riceveranno un aumento di finanziamenti (+15 milioni e +10 milioni rispettivamente), mentre la terza, la più attesa, subirà una diminuzione di 30 milioni. L’obiettivo è quello di convincere le famiglie a investire in auto meno inquinanti, ma la buona volontà si scontra con gli stipendi bassi. La speranza è che gli incentivi siano appetibili almeno per la classe media.

Incentivi auto 2024: le fasce

Nonostante le variazioni nei finanziamenti, il quadro generale degli incentivi auto rimane del tutto invariato. I contributi variano da 2.000 a 5.000 euro, a seconda della fascia di emissioni e della presenza o meno della rottamazione.

  • 0-20 g/km CO2: 3.000 euro senza rottamazione; 5.000 euro con rottamazione.
  • 21-60 g/km CO2: 2.000 euro senza rottamazione; 4.000 euro con rottamazione.
  • 61-135 g/km CO2: 0 euro senza rottamazione; 2.000 euro con rottamazione.

Questi contributi si applicano a vetture elettriche, ibride plug-in e veicoli ibridi tradizionali.

Incentivi auto 2024: i limiti di prezzo

C’è un limite di prezzo massimo di listino, IVA esclusa, per ogni fascia di emissioni:

  • 0-20 g/km CO2: 35.000 euro (42.700 euro IVA compresa).
  • 21-60 g/km CO2: 45.000 euro (54.900 euro IVA compresa).
  • 61-135 g/km CO2: 35.000 euro (42.700 euro IVA compresa).

La rottamazione è obbligatoria solo per chi acquista veicoli con emissioni tra 61 e 135 g/km. La vettura da demolire deve appartenere all’acquirente o a un familiare convivente da almeno 12 mesi e deve essere di classe Euro 4 o inferiore.

Scadenze e vincoli di proprietà

L’auto acquistata con l’incentivo deve essere immatricolata entro 180 giorni dalla prenotazione del bonus. Inoltre, la vettura non può essere ceduta per un periodo di tempo specificato:

  • Persone fisiche: 12 mesi.
  • Noleggio a lungo termine: 12 mesi.
  • Car sharing pubblico: 24 mesi.

Prenotazioni

Le prenotazioni, gestite dalle concessionarie, si apriranno poco dopo la riapertura delle concessionarie. Nonostante le prenotazioni inizino a gennaio inoltrato, l’incentivo sarà valido per gli acquisti effettuati dall’1 gennaio.

Altri fondi sono destinati alle infrastrutture di ricarica, moto e ciclomotori elettrici e termici, nonché ai veicoli commerciali elettrici. Gli incentivi per questi veicoli seguiranno i criteri del 2023.

 

Potrebbe interessarti anche:

Vota