Tesla: richiamo per 2 milioni di vetture negli USA

Il richiamo prevede controlli aggiuntivi e aggiornamenti software significativi

Tesla Model 3

Tesla ha annunciato un richiamo per oltre 2 milioni di veicoli negli Stati Uniti: il richiamo è mirato a potenziare i sistemi di monitoraggio dell’attenzione del conducente quando l’Autopilot o il Full Self Driving sono attivi. Questo intervento è scaturito su indicazione dell’Nhtsa, l’agenzia per la sicurezza nei trasporti, che aveva aperto un’indagine due anni fa a seguito di vari incidenti, alcuni dei quali con esito fatale.

NHTSA: l’analisi dopo alcuni incidenti

L’Nhtsa, dopo l’approfondita analisi, ha dichiarato che le tecnologie di assistenza alla guida della Tesla non sono sufficienti per prevenire utilizzi impropri. In particolare, l’agenzia ha evidenziato lacune nelle modalità con cui il sistema mantiene il conducente coinvolto nella guida e pronto a riprendere il controllo della situazione. Sia l’Autopilot che il Full Self Driving richiedono un controllo costante e una presa continua sul volante, limitandosi attualmente al livello 2 della scala SAE.

Il richiamo prevede l’introduzione di controlli e avvisi aggiuntivi, con l’obiettivo di prevenire “prevedibili abusi” di tali sistemi. L’Nhtsa ha emesso un commento sottolineando come la tecnologia automatizzata rappresenti una grande promessa per la sicurezza, ma solo quando utilizzata in modo responsabile.

Tesla: risposta celere alle richieste

La Tesla ha risposto prontamente a questa situazione, impegnandosi a inviare un aggiornamento software a tutti i clienti coinvolti. Questo upgrade del sistema includerà controlli a bordo e avvisi supplementari, mirati a incoraggiare ulteriormente i conducenti a mantenere costantemente la propria responsabilità durante la guida.

L’azienda, con questo passo, dimostra il suo impegno per migliorare la sicurezza e la responsabilità nell’utilizzo dei suoi sistemi avanzati di guida assistita. Resta da vedere come i proprietari dei veicoli Tesla risponderanno a questo richiamo e come l’azienda affronterà le sfide legate alla continua evoluzione della tecnologia di guida autonoma.

Vota