Motori nelle ruote nelle auto elettriche del futuro: i vantaggi

Motori nelle ruote

In futuro, le auto elettriche avranno i motori nelle ruote e saranno prive di freni.

Lo sta sperimentando DeepDrive, una start-up tedesca che si sta impegnando nel settore delle vetture a zero emissioni e, nello specifico, nel risparmio di energia.

Questa azienda ha così realizzato una piattaforma skateboard le cui ruote accolgono il motore.
Grazie a tale soluzione, le EV potranno far a meno dei freni: si serviranno del sistema di recupero energia per fermarsi.

Motori nelle ruote per auto elettriche: quali sono i pro?

La DeepDrive afferma che un terzo dell’energia usata per le vetture elettriche viene dispersa sotto forma di calore. Ecco che l’azienda con sede a Monaco ha deciso di sviluppare una tecnologia che riesca a migliorare l’efficienza dei mezzi di trasporto, così da garantire maggiore autonomia.

Così, se si gestiscono in modo più ottimale le risorse e i diversi processi di costruzione, si può risparmiare il 20% dell’energia. C’è da dire anche che l’assenza dell’impianto freni garantisce una riduzione delle masse non sospese. Nello specifico, un’architettura più tradizionale potrebbe arrivare a pesare anche 30 kg in più.

Motori nelle ruote auto elettriche

Motori nelle ruote per auto elettriche e maggiore autonomia

Secondo quanto riportato dalla start-up tedesca, le vetture elettriche che prevedono un motore nelle ruote diventano più efficienti.

Di conseguenza, consentono di inserire batterie dal costo più basso rispetto quelle che ci sono oggi in commercio. Per di più, se si dovessero usare le celle agli ioni di sodio, o celle al litio fosfato, le auto raggiungerebbero tranquillamente i 600 chilometri di autonomia. Se si utilizza, invece, il pacco batteria tradizionale, dalla capacità di 100 kWh, l’autonomia arriverebbe agli 800 km.

I 4 formati della piattaforma skateboard

La DeepDrive vuole andare oltre la semplice vendita di propulsori elettrici. La sua intenzione è quelle di collaborare con altri partner che vogliano comprare l’architettura skateboard, piatta e modulare. Questa architettura ha infatti il vantaggio di adattarsi a ogni forma e dimensione della carrozzeria auto. Ad oggi, la si trova sul mercato in 4 diversi formati: XS. S. M e L.

La più piccola, la XS, è pensata per le mini-navette e tutti i quadricicli leggeri. Raggiunge una potenza di 40 CV e 350 chilometri di autonomia. La velocità massima raggiunge va dai 45 agli 80 km/h.
Alle utilitarie, citycar e i van urbani di piccole dimensioni, è dedicata la piattaforma “S”. La potenza è di 200 cavalli, con 450 km di autonomia e una velocità massima pari a 160 km/h.
La M è dedicata alle vetture di dimensioni medie o compatte che hanno una potenza di 350 cavalli e 600 km di autonomia. La velocità massima è di 160 km/h.
L’architettura L è invece dedicata ai veicoli commerciali di grandi dimensioni dal passo di 3.4 metri. La loro potenza è di 350 CV, con 700 km di autonomia e velocità massima di 160 km/h.

 

Continua a navigare sul nostro sito: clicca qui e torna alla home!