Mercedes: stop ai propulsori ibridi plug-in

Mercedes dice addio agli ibridi plug-in
mercedes stop ibride

Mercedes ha deciso di dire stop alla produzione dei propulsori ibridi plug-in e lo fa nell’ottica di un futuro orientato verso l’elettrico. Lo ha comunicato nei giorni scorsi durante il Salone di Monaco, che si è tenuto tra il 7 e il 12 settembre 2021.
Secondo quanto dichiarato, la casa di produzione tedesca vuole dare un’accelerata al processo di elettrificazione delle vetture dal 2025. Per far sì che ciò accada, si introdurranno delle architetture dedicate alle versioni a batteria. Nel 2030, poi, ci sarà una nuova gamma interamente realizzata da vetture a zero emissioni di co2. Siccome tutti gli sforzi saranno incentrati nella realizzazione delle BEV, il gruppo tedesco ha deciso di smettere di produrre i propulsori ibridi plug-in. Nessun investimento verrà fatto in questa direzione.
Continua a leggere per avere maggiori dettagli!

Mercedes saluta l’ibrido nel futuro prossimo

non è solamente una voce di corridoio. La casa di produzione tedesca ha dichiarato il suo progetto in occasione del Salone di Monaco. I capi del Gruppo Daimler, tra cui Markus Schäfer, hanno dato conferma del fatto che Mercedes smetterà di produrre propulsori ibridi plug-in nel futuro prossimo. Tutti gli investimenti non andranno quindi, più, in questa direzione.
Per le auto con questo tipo di motorizzazione, già presenti in commercio, verranno adeguate a livello di performance e potenza, in base al modello. Tuttavia, il brand non ha intenzione di investire nel creare una nuova gamma di vetture ibride.

Mercedes benz

Mercedes e l’elettrico: nuovi orizzonti

Il plug-in, nel nostro Paese, continua a registrare un numero sempre in crescita di vendite. Eppure, il gruppo Daimler ha deciso di non produrre più di vetture del genere. La motorizzazione in sé non sarà, inoltre, l’unico cambiamento a cui si assisterà. Il pacco batteria porterà le azienda automobilistiche a ripensare al design delle vetture. Ecco che, per questo motivo, il look e le proporzioni delle nuove auto saranno inevitabilmente differenti rispetto a prima. Si tratterà di esterni pensati sempre di più per migliorare l’autonomia del mezzo e la sua resistenza aerodinamica.

Addio ai segmenti interi?

Secondo le previsioni della casa di produzione tedesca, è possibile che spariranno dal mercato anche i segmenti interi delle vetture. Per esempio, si potrebbe non vedere mai più un modello station wagon. Questo verrà preferito a un SUV, o crossover, sempre più richiesti e agili da realizzare. Lo stesso destino di estinzione potrebbe capitare anche a un segmento come le cabriolet, diventato sempre di più di nicchia. Questo perché potrebbe non avere senso investire denaro e risorse verso un tipo di auto che non viene venduto a grande quantità.