Gomme chiodate: cosa sono e come si usano

Le gomme chiodate possono essere una valida alternativa: ecco come si usano

gomme chiodate

Le gomme chiodate rappresentano una soluzione efficace per affrontare le strade ghiacciate e innevate. Questa guida fornisce informazioni dettagliate su cosa sono, quando utilizzarle, come sceglierle e alcuni consigli pratici per massimizzarne l’efficacia. Senza dimenticare la normativa italiana.

Cosa sono?

Le gomme chiodate sono pneumatici invernali dotati di piccoli chiodi metallici inseriti nel battistrada. Questi chiodi migliorano la trazione sul ghiaccio, fornendo un grip extra e riducendo il rischio di slittamenti.

Le gomme chiodate sono un tipo particolare di pneumatici utilizzati principalmente in condizioni climatiche estreme, come neve e ghiaccio. Questi pneumatici sono caratterizzati dalla presenza di piccoli chiodi metallici, solitamente in acciaio, inseriti nella superficie della gomma. Questi chiodi sono progettati per migliorare l’aderenza e la trazione dell’auto su superfici ghiacciate o innevate. Parliamo dunque di fondi stradali con scarsa aderenza: l’obiettivo di queste gomme è appunto aumentarla.

Le gomme chiodate sono particolarmente utili in climi dove le temperature rimangono costantemente sotto lo zero e dove le strade sono spesso coperte da neve e ghiaccio. I chiodi penetrano nella superficie della strada, fornendo aderenza aggiuntiva e riducendo il rischio di slittamento o perdita di controllo del veicolo. Questo può aumentare significativamente la sicurezza stradale durante le condizioni invernali più avverse.

Tuttavia, questi pneumatici particolari presentano anche alcuni svantaggi. Innanzitutto, il rumore prodotto dai chiodi durante la guida può essere fastidioso per i passeggeri e per gli altri utenti della strada. Inoltre, l’uso delle gomme chiodate può danneggiare la superficie stradale, specialmente su strade asfaltate, causando un deterioramento più rapido della superficie e aumentando i costi di manutenzione delle infrastrutture stradali.

Per questo motivo, l’uso delle gomme chiodate è regolamentato in molte giurisdizioni e può essere soggetto a restrizioni o divieti in determinate aree. In alternativa alle gomme chiodate, esistono anche pneumatici invernali che offrono una buona aderenza su neve e ghiaccio senza la necessità di chiodi metallici. Tuttavia, in alcune condizioni estreme, le gomme chiodate rimangono una scelta popolare e efficace per affrontare le strade invernali pericolose.

Come sceglierle?

Segui passo passo questi consigli utili.

  1. Attenzione alle normative: verifica le leggi locali riguardanti l’uso delle gomme chiodate nella tua zona. In alcuni luoghi, possono essere vietate o consentite solo in determinati periodi.
  2. Dimensioni adeguate: assicurati che le gomme chiodate siano disponibili nelle dimensioni adatte al tuo veicolo. Consulta il manuale dell’auto o chiedi consiglio a un professionista.
  3. Quantità e posizionamento dei chiodi: queste gomme variano nella quantità e nel posizionamento dei chiodi. Un maggiore numero di chiodi non sempre significa una migliore trazione, quindi consulta le raccomandazioni del produttore.
  4. Marchi affidabili: opta per marchi affidabili e gomme certificate per garantire la massima sicurezza e prestazioni.

Consigli pratici

  1. Montaggio professionale: assicurati che gli pneumatici chiodati vengano montati da professionisti per garantire un corretto posizionamento dei chiodi e una distribuzione uniforme del peso.
  2. Guida prudente: anche con le gomme chiodate, adotta uno stile di guida prudente in condizioni invernali. Riduci la velocità e mantieni una distanza di sicurezza.
  3. Manutenzione adeguata: controlla regolarmente la pressione delle gomme e fai eseguire una manutenzione periodica per garantire la massima efficienza.
  4. Rimozione temporanea: in molte aree, l’uso delle gomme chiodate è limitato a determinati periodi. Rimuovile quando non sono necessarie per evitare danni alle strade asciutte.

Normativa italiana

La normativa italiana per questa tipologia di pneumatici è contenuta nella circolare del Ministero dei Trasporti n. 58/71 del 22 ottobre 1971. Questa circolare stabilisce che le gomme chiodate possono essere utilizzate in Italia dal 15 novembre al 15 marzo, ovvero durante il periodo di obbligatorietà delle dotazioni invernali.

Queste gomme devono rispettare le seguenti caratteristiche:

  • I chiodi devono avere una sporgenza inferiore a 1,5 mm.
  • Il numero totale dei chiodi deve essere compreso tra 80 e 160 per ruota.
  • Le gomme devono essere montate su tutte e quattro le ruote del veicolo, comprese quelle di eventuali rimorchi.

I veicoli con peso superiore a 35 quintali non possono montarle.

I veicoli con gomme chiodate sono soggetti al limite di velocità di 90 km/h su strade extraurbane e 120 km/h in autostrada.

Inoltre, i veicoli con questo tipo di gomme devono essere dotati di bavette paraspruzzi sul retro delle ruote posteriori per evitare che i chiodi possano danneggiare altri veicoli o pedoni.

Le sanzioni previste per l’uso di gomme chiodate non a norma sono le seguenti:

  • Multa da 87 a 431 euro.
  • Ritiro della carta di circolazione del veicolo.

Inoltre, il veicolo può essere sequestrato.

Vota