Ferrari KC23: la nuova one-off del Cavallino

Basata sulla 488 GT, ecco la nuovissima one-off del brand italiano

Ferrari KC23

Si chiama Ferrari KC23 ed è l’ultima nata della serie One-Off appartenente al programma Progetti Speciali. Questa straordinaria vettura, creata su richiesta di un importante collezionista del Cavallino Rampante, rappresenta una visione audace del futuro delle auto da corsa a ruote coperte e si ispira alle linee della leggendaria 488 GT3 Evo 2020, l’auto da corsa più vincente nella storia di Ferrari.

Ferrari KC23: il progetto

La KC23 è un concentrato di eleganza e potenza. Il suo design è stato curato dal Centro Stile Ferrari, sotto la direzione di Flavio Manzoni, ed è basato sulla struttura, il telaio e la motorizzazione della 488 GT3 Evo 2020. Questa vettura è davvero unica nel suo genere, è stata in pista a partire dal 2016 e vanta oltre 530 vittorie e 119 campionati conquistati.

La particolarità principale della KC23 risiede nella sua doppia configurazione. Da ferma, la vettura esibisce linee eleganti e sinuose che catturano l’attenzione di chiunque la guardi. Ma una volta che scende in pista, rivela le sue caratteristiche aerodinamiche rivoluzionarie, come le prese d’aria ad apertura automatica e un’ala posteriore imponente.

Il lavoro di progettazione è stato guidato dalla volontà di creare un’auto unica, estrema e priva di vincoli omologativi, ma che riuscisse anche a rappresentare un classico immediato con linee senza tempo. Ciò ha richiesto una rivisitazione completa di ogni singola linea della 488 GT3 Evo 2020, compresi i gruppi ottici e le superfici vetrate.

Esterni

L’obiettivo era quello di creare un corpo vettura unico e senza soluzioni di continuità. Le prese d’aria laterali sono nascoste e si aprono automaticamente all’accensione del motore V8 biturbo centrale-posteriore, conferendo alla KC23 un aspetto dinamico e mutevole a seconda delle sue esigenze. L’ala posteriore, imponente e rimovibile, è un chiaro segno della sua anima da vettura da corsa, pronta a sfidare i limiti e trasferire tutta la potenza del suo motore.

Il lavoro svolto sul carico aerodinamico e sulla termica è stato intenso per mantenere le prestazioni della KC23 al livello della super car da competizione, nonostante la silhouette completamente diversa. Pannelli dotati di meccanismi speciali si attivano automaticamente all’accensione, in questo modo garantiscono il corretto flusso d’aria per il raffreddamento dei componenti e il bilanciamento aerodinamico.

Ferrari KC23

Interni

Le soluzioni innovative si estendono anche agli interni. L’abitacolo è stato mantenuto essenziale e simile a quello della 488 GT3 Evo 2020, con alcune personalizzazioni come i sedili sellati in Alcantara con logo elettrosaldato. La visibilità posteriore è garantita da un sistema di videocamere che ha permesso di eliminare i tradizionali retrovisori, migliorando l’aerodinamica e mantenendo l’integrità delle linee della vettura.

Ogni dettaglio della KC23 è stato curato con estrema attenzione. Dalle porte ad apertura verticale alla vernice speciale Gold Mercury, che cambia tonalità a seconda dell’illuminazione, fino ai cristalli senza montanti, tutto contribuisce a creare un’esperienza visiva unica e futuristica.

La Ferrari KC23, frutto di oltre tre anni di lavoro e progettazione, rappresenta l’apice della personalizzazione offerta dalla Casa di Maranello. Questa straordinaria vettura farà la sua prima apparizione pubblica al Goodwood Festival of Speed dal 13 al 16 luglio, uno degli eventi automobilistici più importanti del Regno Unito. Successivamente, sarà esposta presso il Museo Ferrari di Maranello dal 1 agosto al 2 ottobre, permettendo agli appassionati di ammirarne da vicino le soluzioni formali e ingegneristiche straordinarie.

 

Vota