Batteria wireless delle Lotus elettriche

Batteria wireless delle Lotus elettriche per auto più leggere e prestanti

Lotus Emira
Lotus Emira

Oggi vediamo come funziona la batteria wireless delle Lotus elettriche. Si tratta di una tecnologia creata insieme ad Alanog Devices. Riesce a eliminare i vari cablaggi e ridurre così ingombri e peso, rendendo la guida più dinamica.

Collaborazione con Analig Devices

La casa di produzione Lotus ha dichiarato che la prossima generazione di vetture elettriche saranno dotate di un software wireless che gestirà le batteria. Il suo nome è wBMS, acronimo di wireless Battery Management Software. Verrà fornito dalla multinazionale americana specializzata nel produrre semiconduttori e sia nella gestione che nella trasmissione di segnali e dati. Si tratta proprio della Analog Devices. Grazie a questa nuova tecnologia, Lotus potrà avere delle batterie più leggere e meno ingombranti e di questo ne potranno giovare non solo le prestazioni della vettura, ma anche la libertà progettuale. Così si potranno realizzare auto elettriche in maniera ancor più creativa.

Il sistema di gestione di recente trovata, riesce a sfruttare la centralina di controllo che dialoga direttamente con i singoli moduli. Questi sono dotati di un sistema di trasmissione e ricezione di dati. Così, il programma wBMS creato dalla Analog Devices, riesce a fare a meno dei vari cablaggi tradizionali e riduce il paso totale anche del 90%. il sistema wireless riesce ad essere ancor più compatto e riduce gli ingombri di tutto il pacco batteria del circa 15%.
Non avere dei cavi significa anche avere dei vantaggi dal punto di vista della produzione, mentre le prestazioni della batteria non vengono intaccate e restano sicure e affidabili.
Al contrario, anzi, essendo creata in maniera più semplice, riesce a essere riparata senza troppi problemi. Anche le componenti difettose saranno sostituite con più semplicità.

Batterie per auto semplici ed efficienti

Parla delle nuove batterie wireless il direttore della Propulsion and chassis engeneering Richard Lively. Egli spiega come abbiano lavorato in collaborazione con la Analog Devices per riuscire a integrare il software senza fili alla LEVA, la Lightweight Electric Vehicle Architecture. Questa sarà, d’ora in avanti, la base per le vetture elettriche future di Lotus.
Così, una batteria leggera e dalle alte prestazioni riesce a soddisfare la filosofia del marchio che prevede l’unione di semplicità ed efficienza su strada.
Una delle caratteristiche più importanti della nuova tecnologia è che il powertrain può essere aggiornato over-the-air. Così, si può intervenire in tempo reale nel caso in cui dovessero presentarsi eventuali guasti. In questo modo l’integrità della vettura non verrà compromessa.

Vota